Banca Intesa dà una mano alle imprese

MANTOVA - Dieci miliardi di euro per il rilancio della piccola media impresa. Questo il plafond messo a disposizione da Intesa Sanpaolo per gli associati di Confindustria, dopo la sottoscrizione di un nuovo accordo che prosegue quello dello scorso anno ma con alcune novità. 

«È stata necessaria una rivisitazione - ha spiegato Pier Aldo Bauchiero, direttore regionale Lombardia Intesa Sanpaolo - non dimentichiamo che la crisi è partita dal mondo della finanza. E' importante che gli imprenditori riacquistino fiducia nel sistema bancario, offrendo un percorso di affiancamento. La relazione tra banca e impresa deve essere basata sulla trasparenza del credito e sulla conoscenza del business aziendale».


Per un migliore dialogo impresa-banca, Confindustria mette a disposizione uno strumento di autovalutazione finanziaria,mentre la banca offre la possibilità attraverso i gestori di confrontarsi sul profilo di rischio d'impresa.  

Ecco alcune delle proposte previste dal nuovo accordo illustrato ieri: nuove linee di credito aggiuntivo per favorire il pagamento dei fornitori, a sostegno delle imprese che intendono ripristinare i loro cicli produttivi e vogliono uscire dalla crisi al più presto.  Ma anche rinvio del pagamento delle rate di mutui e leasing, per dare fiducia agli imprenditori, che potranno disporre così di risorse finanziarie aggiuntive.  

«Il mondo cambia e noi non possiamo stare a guardare - ha aggiunto Alberto Ruberti, vicepresidente Confindustria di Mantova - vogliamo aiutare le aziende a superare il guado, soprattutto quelle che credono nel nuovo, ma hanno paura di fare il salto verso il futuro a causa della rigidità del sistema».  

L'accordo si occupa inoltre di ricerca, sui prodotti, i servizi e le tecnologie: Intesa Sanpaolo offre servizio tecnico di consulenza per favorire l'accesso ai programmi di finanziamento europeo.  «Gli investimenti sulla ricerca e lo sviluppo non devono essere considerati costi - ha spiegato Bauchiero - bisogna dare tempo e ossigeno agli imprenditori».  

Altre iniziative anche a sostegno delle imprese che intraprendono processi di internazionalizzazione o intendano potenziare il radicamento sui mercati esteri: «Esiste un polo di specialisti dedicato alle piccole medie imprese che individua le soluzioni per l'accesso e lo sviluppo delle imprese sui mercati esteri» ha detto Vanni Bovi, direttore Area Lombardia Sud.

Banca Intesa dà una mano alle imprese